Eventi

UAM

Il Pompidou di Parigi ospita fino al 27 agosto un percorso dedicato a un movimento poco conosciuto ma fondamentale per l’arte contemporanea soprattutto francese. Parliamo dell’UAM, acronimo per Union des artistes modernes (Unione degli artisti moderni). Il gruppo rappresenta la modernità francese del 20esimo secolo e riunisce i grandi autori dell’epoca come Le Corbusier, Mallet-Stevens, d’Eileen Gray, Charlotte Perriand, René Herbst e Pierre Chareau. Il percorso così si concentra sulle varie discipline artistiche, dal design all’architettura fino alla scultura, e ha per ambizione restituire lo scopo del movimento: creare un nuovo modo di vivere l’arte rendendola il più condivisa possibile. Fra le stanze del museo ritroviamo quindi i 50 anni dell’UAM, constituitosi nel 1928 e chiuso nel 1958, in un percorso cronologico articolato in differenti sezioni collegate fra loro grazie alle realizzazioni collettive delle opere. 

”Il movimento – scrivono i curatori dell’esposizione Mnam/Cci, Olivier Cinqualbre, Frédérique Migayrou, Anne-Marie Zucchelli – è pensato come un organo di combattimento che attacca ogni tipo di spirito conservatore e gioco forza ha dovuto lottare e alimentarsi in una comunità che alla lunga si è messa sula difensiva fino a sciogliersi”. 

Centre Pompidou

place george pompidouparis0144781233http://centrepompidou.fr

Commenti