Ultimora

Lo spazio di Elkann si trasforma in galleria d’arte, ma c’è lo zampino di Gagosian

Garage Italia era un distributore di benzina, trasformato nel 2017 da Lapo Elkann in Garage Italia, progetto di lusso destinato a unire sotto lo stesso tetto il mondo dei motori e della ristorazione, grazie alla partecipazione dello chef Carlo Cracco. Dopo qualche mese dal debutto, Garage Italia si trasforma nuovamente, questa volta in uno spazio dedicato all’arte. Ma Elkann non ha fatto tutto da solo, dietro al primo progetto espositivo di Garage Italia c’è lo zampino di Larry Gagosian, tra le figure più influenti del panorama artistico contemporaneo. A esporre nel futuristico spazio dell’imprenditore, Blair Thurman, artista statunitense della scuderia di Gagosian. I suoi sono dei lavori che spaziano dalla Pop Art al Minimalismo, opere scultoree a che appaiono come strutture architettoniche ma che superano la freddezza geometrica facendo appello a un repertorio di immagini di infanzia. Come riporta il sito della Gagosian: ”Le sue forme standardizzate, estrapolate da circuiti di slot machine, strutture architettoniche e forme prese dalla vita quotidiana, comprendono un’iconografia personale, le affascinanti attività della fanciullezza rendono il regno subliminale delle geometrie astratte più accessibile”. Nell’Acqua Azzurra, questo il titolo dell’esposizione, parte il 17 aprile, in concomitanza con l’inizio della Design Week, e prosegue sino al 17 maggio. 

Commenti