Ultimora

Sarah Cosulich direttrice artistica della Quadriennale, a convincere i progetti presentati più che il curriculum

Il Consiglio di Amministrazione della Quadriennale di Roma – presieduto da Franco Bernabè – ha nominato Sarah Cosulich Direttore Artistico della fondazione. Il suo ruolo sarà quello di coordinare la programmazione culturale per i prossimi tre anni, fino all’organizzazione della 17esima Quadriennale d’arte del 2020. L’ex direttrice di Artissima è stata selezionata tra una rosa di 116 candidati e sei finalisti. Cosulich, classe 1974, è laureata in Storia dell’Arte negli USA e ha un Master in critica d’arte contemporanea a Londra. «Abbiamo molto apprezzato – ha spiegato Bernabè – l’impegno di tutti finalisti, professionalità di elevato livello che hanno presentato progetti ad hoc di grande qualità. La scelta è stata orientata, oltre che dai contenuti, dalla proiezione internazionale degli artisti italiani che il progetto di Cosulich intende costruire con una metodologia sostenibile». Hanno vinto i fatti, quindi, più che le parole o il curriculum: «Sono felicissima – ha affermato Cosulich – e grata per questa nuova opportunità che accolgo con grande entusiasmo. Mi sento onorata di poter contribuire allo sviluppo di un’istituzione storica così prestigiosa e preziosa per la nostra arte. Nei prossimi tre anni mi impegno a portare avanti con coerenza, continuità e motivazione un progetto mirato al rafforzamento del sistema italiano e alla promozione e visibilità internazionale dei suoi artisti». Sembrano ottime premesse per la realtà romana, italiana e per il benessere della Quadriennale che già con l’ultima esposizione, Altri tempi, altri miti, ha dato prova di potersi affermare come una delle istituzioni più interessanti per l’arte nazionale.

 

 

Commenti