Ultimora

Eron, un wall painting per la pace in occasione dei 2200 anni della città Modena

Ad perpetuam rei memoriam è il titolo dell’opera wall painting che l’artista David Salvadei, in arte Eron, pioniere dell’arte urbana e del writing in Italia, realizzerà durante i tre giorni del festivalfilosofia di Modena per una parete di Palazzo Santa Chiara in occasione dei 2200 anni dalla fondazione dell’antica Mutina (183 a.C). Richiamando i monumenti restituiti dal sottosuolo della città romana, Eron sviluppa una riflessione profonda sulla storia dell’edificio, in parte distrutto dai bombardamenti del 18 aprile 1945. L’intervento nasce sulla ‘ferita’ più evidente, una parete dimezzata, dove emerge un ”semi tempio della pace”, così lo definisce l’artista, costituito da un codice di segni contemporanei in cui spicca la metà di una grande colomba, simbolo di una pace non ancora raggiunta. A distanza di 34 anni, l’intervento artistico coincide dunque con quanto distinse il restauro dell’edificio: non la ricostruzione delle parti distrutte dal bombardamento, ma il recupero delle stesse lasciando visibili i segni delle distruzioni belliche.

”Commissionare a un importante artista contemporaneo – commenta Pietro Rivasi presentando il progetto - la realizzazione di un’opera che evochi un evento di 2200 anni fa è una sfida interessante, perché, mettendo in relazione tempi e sensibilità estremamente distanti, si creano i presupposti per fondere dei contrasti”. L’abbinamento armonico di elementi anche antitetici è uno dei punti forti dell’artista riminese, capace di soluzioni straordinarie per far sposare in modo poetico un linguaggio contemporaneo come il writing, con luoghi ed oggetti ricchi di storia e suggestioni. È propria dell’artista una tecnica che sfrutta e valorizza le caratteristiche della vernice spray, interagendo con le caratteristiche delle superfici, come muffe, ruggini, scrostature, crepe, per creare dipinti di straordinaria leggerezza e poesia.

Tutti potranno assistere in diretta alla realizzazione dell’opera da parte dell’artista e osservarne gli sviluppi: venerdì 15 settembre dalle 15 alle 23; sabato 16 dalle 10 alle 23; domenica 17 dalle 10 alle 23. L’opera, che sarà conclusa il 20 settembre, resterà visibile permanentemente. Sabato 16 settembre alle 19 il lavoro di Eron, sarà presentato da Pietro Rivasi. Seguirà DJ set di LAIKA MVMNT e aperitivo con menu filosofico Notturno Estense a cura di Caffetteria di Palazzo dei Musei. Info: http://www.2200anniemilia.it/modena

Commenti