Video

ArtFutura, creature digitali

Il 28 aprile l’ Ex Dogana cambia volto. Lo fa con la mostra  ArtFutura, creature digitali, una vera e propria esperienza immersiva nell’arte digitale che cattura lo spettatore nelle nuove realtà digitali: sette installazioni in sette differenti hangar, realizzate da sette visual designer e artisti digitali internazionali. Sculture cinetiche che creano olografie galleggianti, campi magnetici che generano forme di ferro fluido dinamiche, esperienze audiovisive avvolgenti in cui sperimentare proiezioni virtuali sconosciute. Dopo Barcellona, New York e Londra, ArtFutura sbarca anche a Roma per oltre 4 mesi nei nuovi spazi espositivi dell’Ex Dogana.

La mostra è curata da Montxo Algora direttore dell’omonimo Festival internazionale ArtFutura, prodotta da MondoMostre Skira con il patrocinio di Roma Capitale e dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza. Paul Friedlander, Esteban Diácono Motion Graphics, Can Buyukberber, Sachiko Kodama, Chico MacMurtrie e il collettivo Universal Everything saranno i protagonisti della mostra insieme ad alcune opere provenienti dal festival internazionale ArtFutura che, da 26 anni, celebra in tutto il mondo l’arte multimediale. Un progetto nato negli anni ’90 dall’incontro fra alcuni dei pionieri della Cybercultura come Rebecca Allen, William Gibson e Montxo Algora che in occasione di questa mostra italiana ha riunito le migliori Creature digitali internazionali. Una opzione, suggerita anche dal contesto, dalla natura del contenitore Ex Dogana inteso come fabbrica del futuro. Aperta fino al 10 settembre, per tutti gli orari, costo dei biglietti e altre info: www.artfuturaroma.it

Commenti