Ultimora

Il Getty Research Institute acquista l’archivio Frank Gehry

Il Getty Research Institute di Los Angeles ha acquisito l’archivio dell’architetto Frank Gehry. L’archivio presenta circa 120.000 disegni, 100.000 diapositive, 1.000 schizzi oltre ai innumerevoli modelli parziali e completi, documentazioni di progetti, corrispondenze, fotografie, registrazioni d’ufficio e file digitali relativi a 283 progetti ideati tra il 1954 e il 1988. Un concentrato di materiale che racconta la genesi dello stile distintivo dell’architetto. Dal periodo degli studi universitari con il primo progetto alla Romm House fino al concorso per la Walt Disney Concert Hall, il cui successo ha segnato la sue entrata nell’èlite dell’architettura globale. Gehry è senza dubbio l’architetto postmoderno vivente più famoso del mondo, conosciuto per i suoi edifici che presentano forme geometriche giganti che appaiono incastrate tra loro, in modo da creare una fusione scomposta e disordinata di forme.

La collezione comprende anche i materiali prodotti dopo il 1988 per i progetti che sono stati avviati prima di tale data, tra cui documenti di costruzione e modelli per la Disney Concert Hall (completato nel 2003), disegni di progettazione iniziale per il viale Progetto Grande (ancora in sviluppo), e materiali relativi alle fasi successive di progetti cominciati molto prima (Loyola Law School, 1520 Cloverfield, e il Residence Gehry a Santa Monica, per citarne alcuni). Selezioni da questo archivio, tra cui disegni, un modello, e fotografie del Walt Disney Concert Hall, saranno esposte nella prossima mostra del Getty Research Institute Berlino / Los Angeles: uno spazio per la musica dal 25 aprile fino al 30 luglio 2017. Questa mostra celebra il 50 ° anniversario della partnership tra Berlino e Los Angeles esplorando la Filarmonica di Berlino (1963), progettata da Hans Scharoun, e la Walt Disney Concert Hall. Entrambi gli edifici hanno catturato l’immaginazione del pubblico, diventando caratteristiche della firma del paesaggio urbano delle rispettive città. Info: www.getty.edu

Commenti