Eventi

Santiago Sierra, Mea Culpa

Inaugura al PAC di Milano Mea Culpa, la prima mostra antologica mai realizzata in Italia dedicata all’artista spagnolo Santiago Sierra. Celebre per le sue performance provocatorie, come quella delle prostitute eroinomani che sono state pagate al prezzo di una dose per essere tatuate o dei 133 ambulanti abusivi pagati 120.000 lire ciascuno per tingersi i capelli di biondo in occasione della Biennale di Venezia del 2001, l’artista compie un’analisi analisi del sistema economico-sociale globalizzato e lo denuncia senza pietà, rendendo inoltre un’amara idea dell’arte mercificata. Attraverso diversi mezzi espressivi, dalla scultura minimalista al video e alla fotografia mette alla luce i limiti e le contraddizioni della società contemporanea. Lei dice ”NO” a tutto questo con la scultura delle due grandi lettere in nero che hanno girato il mondo nel ”NO Global Tour” del 2009. Un enorme no alle differenze sociali, allo sfruttamento, alla mercificazione dell’individuo, alla violenza e al degrado. Partendo da questi concetti elabora forme astratte geometriche di trazione minimalista, poi incarnandoli nelle figure di immigrati, lavoratori, disoccupati, di cui mette in scena il conflitto esistenziale. Siamo tutti sotto accusa in qualche modo anche noi spettatori. L’artista non concede alibi a vittime e carnefici, ma neanche agli indifferenti. 

Pac Padiglione di arte contemporanea

via Palestro 14Milano http://www.comune.milano.it

Commenti