Ultimora

Matèria ospita la seconda mostra di Fabio Barile in galleria

Torna da Matèria con un nuovo lavoro fotografico Fabio Barile. Con An investigation of the laws observable in the composition, dissolutionand restoration of land, l’artista indaga, già finalista Talent Prize, gli elementi intricati e complessi che caratterizzano il nostro pianeta. Combina e concretizza un progetto ispirandosi alle sperimentazioni già avviate da James Hutton nel libro Theory of the Earth, nelle opere fotografiche come Geological survey of the 40th parallel di Timothy O’Sullivan, e nel Documenting science di Berenice Abbott. Barile crea, così, una vasta gamma di immagini che aprono un panorama unico attraverso cui si può tentare una dettagliata lettura della natura e della sua storia. Il tentativo di lettura attraverso immagini implica la considerazione della complessità generata dalla presenza di processi naturali nel corso dei 4,5 miliardi di anni di storia, in cui la terra, compressa e erosa, genera l’immobilità percepita e illusoria del paesaggio che sperimentiamo quotidianamente. Il progetto propone così un dialogo con la storia del nostro pianeta, che va al di là dell’esistenza umana con un omaggio alla brillantezza di persone, che attraverso la scienza creano ordine dal disordine effettuando collegamenti senza precedenti tra elementi disparati. Info: www.materiagallery.com

Commenti