Foto - Ultimora

Ground Layer, la personale di Irnem

Ground Layer è il titolo della nuova personale firmata da Francesco Irnem. Aperta fino al 26 marzo l’esposizione è ospitata nella Casa romana a Spoleto ed è curata da Gianluca Marziani. Un cortocircuito fra passato e presente è i filo rosso che collega le due stanze della mostra. Da una parte le vestigia dei tempi andati, testimoniati dallo stesso luogo espositivo, una casa romana scoperta dall’archeologo Giuseppe Sordini nel 1886, e dall’altra il presente che tenta di intraprendere un discorso su ciò che è stato. Irnem allora lavora sulla stratificazione temporale e materiale presentando statue romane su un supporto di polvere calcarea che si corrispondono al pavimento in mosaico antico come anche agli oggetti domestici del nostro presente. ”Alla fine del vostro cammino dentro la Casa Romana, capirete che l’evoluzione dei linguaggi richiede coscienza del passato (rispetto filosofico degli archetipi) e una consapevolezza del rischio iconografico (rielaborare i codici classici con gli strumenti del proprio tempo)”. Info: www.palazzocollicola.it

Commenti