Ultimora

Parasite 2.0, prima personale romana da Operativa

The domestic promised land: the desert, the net and the bones, è il titolo della prossima mostra ospitata da Operativa arte contemporanea dal 7 ottobre. A firmarla è il giovane collettivo di architetti Parasite 2.0, che già a Roma avevano presentato la loro installazione, Temporary School: The museum is a school. A school is a Battleground, al Maxxi come vincitori del premio Yap 2016. La dimora è invece il tema che lega i lavori in mostra nella galleria, dimora intesa come rifugio contemporaneo. Una costruzione sicuramente artificiale in grado di proiettare altrove chi la vive, in altre dimensioni o al contrario può essere considerata come una piazza privata dove intrattenere relazioni sociali. In un misto fra primitivo e futuro, classico dell’architettura radicale, i Parasite 2.0 si interrogano su come sarà e se ci sarà una nuova fase di antropizzazione. Info: www.operativa-arte.com

Commenti