Foto

Talent Prize 2015, le opere

Ad aggiudicarsi l’ottava edizione del riconoscimento è l’artista pugliese Tony Fiorentino, classe 1987, che vince il premio del valore di 10mila euro con l’opera Dominium Melancholiae, una scultura che presenta un paesaggio di forme autonome in continuo mutamento. Fiorentino ha coinvolto diversi artisti nel progetto, chiedendo loro di alterare una lastra di zinco delle stesse misure di Melancolia I, incisione realizzata da Albrecht Dürer. Successivamente la lastra di zinco è stata immersa in una soluzione di acqua distillata mista ad acetato di piombo. L’unione di questi elementi ha dato origine a una vegetazione chimica di piombo che ricopre tutta la superficie di zinco con imprevedibili e delicate ramificazioni, che continuano a crescere senza sosta. Oltre al vincitore sono stati proclamati anche i nove finalisti che prenderanno parte alla grande collettiva in programma dal 16 al 29 novembre al museo Pietro Canonica di Roma. Si tratta di: Alessandro Dandini de Sylva, con l’opera Senza titolo (Cancellazione di paesaggio #343), Matteo Nasini con Centocordo, Eva Frapiccini con un’opera dalla serie Golden Jail | Discovering Subjection, Marco Strappato con Untitled (Seascape), Fabio Barile con Homage to James Hutton #8, Matteo Berra con Sezione della continuità dello spazio, Michele Spanghero con Echea, Tindar con Presa di coscienza sulle religioni e il duo Ornaghi & Prestinari con Tango.

Gli altri artisti che parteciperanno alla mostra sono i vincitori dei Premi Speciali assegnati dagli sponsor e partner del concorso. Per il premio Fondazione Roma, main sponsor del Talent Prize, il suo Presidente Emmanuele F.M Emanuele ha designato l’artista Mauro Rescigno, autore del video Seeking and Finding. Isabella Falautano, direttore Communication, Corporate responsability & Public Affairs di AXA ha invece proclamato Simone Bubbico con l’opera Materia Oscura, mentre la scelta di Giulia Tosetti, Cultural Project Manager di Tosetti Value è ricaduta su Francesco Pergolesi, autore del progetto fotografico Tatò – Serie Heroes 2015. Infine Guido Talarico, Ceo di Culturalia/AdnKronos ha selezionato Sebastiano Dammone Sessa con l’opera Appunti.

Commenti