Ultimora

Fabio Pizzicannella modera un talk sulla guerra con i fotografi Macchi e del Castillo

Il 16 luglio alle 18 ha luogo il primo talk del ciclo Accoppiamenti giudiziosi, nella Inars art gallery, galleria situata all’interno della libreria Arion di Piazza Montecitorio a Roma. L’appuntamento vede protagonisti i giornalisti e fotoreporter Alfredo Macchi e Luciano del Castillo, l’artista e attivista María Rosa Jijón e Fabio Pizzicannella come curatore e moderatore: si confronteranno sul tema della guerra. Gli incontri si terranno nell’ambito della mostra Teatri di Guerra a cura di Roberta Giulieni in corso nella stessa sede e che ha lo stesso tema. Un tema attuale come non mai, trattato in mostra attraverso l’esposizione di opere che abbracciano tutto il Novecento, che provengono dalla collezione Jacorossi tranne per quanto riguarda i due eventi collaterali, e che si focalizzano principalmente sui due conflitti mondiali; mentre il talk è basato sulla percezione, sulla rappresentazione e sulla documentazione della guerra indagando le differenze e le comunanze fra opere di diversa tecnica e natura, di diverse discipline, con particolare attenzione ai rapporti fra arte e libri. Nella sala sottostante la libreria, sede del talk, sono esposte le fotografie di Macchi in dialogo con la serie di incisioni Gott mit uns di Renato Guttuso, opere presentate all’interno di Teatri di Guerra insieme agli altri lavori, tra cui, al piano terra, anche quelli di Duilio Cambellotti, Gerardo Dottori, Gino Severini, H.H. Lim, Arturo Martini, Gian Marco Montesano, Giulio Turcato. Le fotografie di Macchi, riunite sotto il titolo di War Landscapes. Paesaggi di guerra, fanno parte degli eventi collaterali all’esposizione che vedranno protagonista, a seguire, Ritratti di guerra di Pasquale De Antonis visibile dal 14 settembre. A completare il progetto di mostra è una sezione dove sono esposti oggetti datati da inizio secolo ai giorni nostri. Il 16 luglio, ore 18, Inars Art Gallery, libreria Arion Montecitorio, piazza Montecitorio 59, Roma. Info: www.inars.it

Commenti