Ultimora

La cappella sistina viene illuminata con 7000 led

Sono 7.000 led quelli installati grazie a Osram nella cappella Sisitina, presentati questa sera in esclusiva mondiale in presenza del direttore dei musei Vaticani, Antonio Paolucci. Un nuovo sistema di illuminazione per uno dei monumenti più famosi al mondo per ricordare i 450 anni dalla morte di Michelangelo e i 20 dalla conclusione del celebre restauro degli affreschi. Le tonalità dei led, posizionati in maniera invisivbile, e lo spettro dei colori sono stati perfettamente adattati ai pigmenti dei dipinti di Michelangelo e degli artisti della seconda metà del ‘400 presenti nella cappella. Lo scopo, portato avanti tramite un rigoroso sistema scientifico, è ricreare la luce naturale che entrava nella struttura attraverso finestre poi chiuse negli anni Ottanta per ragioni di conservazione. I colori così tornano, anche grazie ai restauri, a presentarsi nelle loro tonalità originali. Una piccola rivoluzione che coinvolge non solo le opere di Michelangelo ma anche quelle degli altri artisti della seconda metà del Quattrocento come Sandro Botticelli, Pietro Perugino, Pinturicchio, Domenico Ghirlandaio, Luca Signorelli e Piero di Cosimo. Info: www.osram.it

Commenti

  • Massimo Ravecca

    Nella Cappella Sistina affrescata da Michelangelo, speculare all’Innalzamento del serpente di rame, da parte di Mosè, vi è dipinta la crocifissione di Aman, primo ministro persiano che voleva uccidere gli ebrei e poi a morire sarà lui. (cfr. Libro di Ester). Unica croce presente negli affreschi. Fa si che abbiamo una promessa sotto forma di minaccia. Aman protagonista negativo del carnevale ebraico, negli affreschi di Michelangelo assomiglia al Gesù giudice del Giudizio Universale. Ma in questo caso la somiglianza a cui si alluderebbe non sarebbe fisica ma funzionale. Michelangelo, in un fantastico viaggio nel tempo, avrebbe visto la morte di Gesù in croce, mentre assumeva anche il ruolo di Aman. In un carnevale si perde la cognizione di quello che si fa. “Padre perdonali, perché non sanno quello che fanno” (Lc 23,34). Gesù amando tutti sarebbe sceso il più in basso possibile per non tralasciare nessuno. Cfr. ebook/book. Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo. Grazie.

  • http://www.saatchiart.com/grazi Roberto Scala

    Che opera che affresco , lo potevo fare anch’io forse