Ultimora

Al Maxxi un incontro su arte ed economia

Arte contemporanea ed economia, se ne discuteva ieri al B.A.S.E., il Centro di Ricerca del museo Maxxi di Roma, con i principali protagonisti del mercato. Al convegno, organizzato dalla società Monti&Taft e dal Maxxi dal titolo Arte contemporanea e territorio: un modello economico per Roma, sono intervenuti esperti d’arte, economisti e giuristi tra cui Stefano Monti, della Monti&Taft, Domenico Filipponi, responsabile dei servizi di Art Advisory in UniCredit, Marilena Vecco, economista della Erasmus University of Rotterdam, le storiche dell’arte Anna Mattirolo (Maxxi) e Silvia Evangelisti (Università di Bologna), l’urbanista Carlo Gasparrini (Università di Napoli Federico II), l’avvocato Massimo Sterpi e Giovanna Melandri, presidente fondazione Maxxi. Tutti gli interventi si sono concentrati sulle strategie, politiche, interessi e impatto sul mercato per imprimere un nuovo impulso a un asset vitale per il Paese, nell’ottica in cui il valore dell’arte contemporanea risulta sempre più centrale in un paradigma nel quale la creatività costituisce per le città uno strumento indispensabile di rappresentazione identitaria.

Commenti