Spazi

Le giornate del Fai

Antichi e modernissimi, i percorsi milanesi della XXI giornata FAI di primavera. Da quest’anno, infatti, non più solo via libera tra gli oltre 700 palazzi e siti storici, ma un invito al pubblico ad avvicinarsi a quella parte della città moderna e sostenibile: il cantiere di Porta nuova. L’area, di oltre 82.000 mq tra uffici, residenze, spazi commerciali e strutture pubbliche, ha rappresentato uno degli interventi di riqualificazione urbana più grandi in Europa. Un impianto architettonico che merita di essere visto e conosciuto dai cittadini milanesi e non, in quanto modello del ponderato connubio tra funzionalità ed estetica contemporanea. Al suo interno svetta la torre dell’UniCredit, il palazzo più alto d’Italia, vero e proprio orgoglio delle nuove architetture eco-sostenibili. Protagonista assoluto della struttura è il risparmio energetico, sostenuto attraverso l’utilizzo di fonti rinnovabili e di pannelli fotovoltaici, l’isolamento termico delle abitazioni, l’impiego di materiali edili biodegradabili e non inquinanti e il sistema per la raccolta dell’acqua piovana per l’irrigazione delle aree pubbliche.

Nella giornata di sabato 23 marzo, il pubblico si potrà avventurare nella zona Porta nuova varesine usufruendo delle guide-volontari Fai e dello staff interno che illustrerà il progetto e le funzionalità dell’area. Per quanti fossero alla ricerca di nuove prospettive su Milano, sarà consentito salire sul Diamantone, realizzato dallo Studio Kohn Pedersen Fox, la torre di 30 piani dall’inconfondibile forma di diamante. Nella giornata di domenica, invece, sarà possibile vedere Milano dall’alto della torre top green, l’UniCredit Tower, e da lì meglio comprendere la ricomposizione dei tre quartieri Garibaldi, Varesine e Isola, che insieme formano un’area di oltre 290.000 metri quadrati. La visita della torre con le guide Fai permetterà di comprendere una della più moderne architetture presenti in Italia, frutto del progetto ideato dallo studio statunitense Pelli Clarke Pelli Architects. Con i suoi 232 metri di altezza, raggiungibili in ascensore in 40 secondi, la torre maggiore di UniCredit Tower non è solo l’edificio più alto d’Italia, ma rappresenta il nuovo quartier generale del gruppo UniCredit e consente di ridurre di cinque volte il numero di sedi a Milano con un fortissimo risparmio annuo sui costi immobiliari.

L’insieme di edifici di Porta Nuova Garibaldi, dove ora sorge il polo di UniCredit, hanno ricevuto dall’US Green Building Council – organizzazione che promuove e garantisce, in oltre 100 Paesi nel mondo, un approccio globale alla sostenibilità – la certificazione di LeedGold grazie a: 22,5% di risparmio energetico, 37,3% di riduzione dell’utilizzo di acqua potabile negli edifici, 100% di riutilizzo di acqua piovana, 93% di riciclo dei rifiuti da cantiere, 20,5% di materiale provenienti da riciclo utilizzato nelle costruzioni e 41% di materiali di costruzioni di provenienza locale.

Dal 23 al 24 marzo; Info: www.giornatafai.it

 

Commenti