Eventi

Ultime dalla sala

Mentre Steven Spielberg e Daniel Day-Lewis sono in Italia per pubblicizzare l’uscita del film Lincoln, nelle sale dal 24 gennaio, e vengono ricevuti addirittura da Renato Schifani a palazzo Madama – «Gli ho suggerito di fare un film sulla fame nel mondo», dichiara il politico – appena uscito in sala il Django Unchained di Quentin Tarantino ha conquistato il primo posto nella classifica italiana, affiancandosi all’uscita della pellicola del regista francese Olivier Assayas Qualcosa nell’aria (sotto il trailer) e al Frankenweenie di Tim Burton (leggi l’articolo). L’apocalisse, vista con occhi scanzonati, è al centro dell’ironica pellicola Cercasi amore per la fine del mondo della sceneggiatrice, ora alla regia, Lorene Scafarla che dirige l’insolita coppia Steve Carell-Keira Knightley. Mentre un asteroide si avvicina alla Terra, Dodge si ritrova da solo, dopo che sua moglie è andata via, abbandonandolo al suo destino. Decide quindi di intraprendere un viaggio, per rivedere la sua fidanzatina dei tempi delle superiori, ad accompagnarlo c’è un vicino di casa che inavvertitamente, gli scombinerà i piani. Una commedia piacevole perché non pretenziosa, dal messaggio finale però un po’ banale che chiede allo spettatore di andare dove lo porta il cuore. Esce l’atteso terzo capitolo di Rec 3 la genesi, l’horror spagnolo diretto da Paco Plaza. Clara e Koldo hanno organizzato il loro matrimonio fin nel più piccolo dettaglio in modo da renderlo il giorno più bello e indimenticabile di tutta la loro vita ma non hanno tenuto conto delle devastanti conseguenze di un misterioso virus chiaramente non invitato ai festeggiamenti. Nonostante il successo dei primi due capitoli, come si legge su sentieriselvaggi.it il film delude gli amanti del genere horror: “Diligente nello svolgimento e generoso negli eccessi gore, Rec 3 si riduce quindi a un compitino senza molte idee, fin troppo attento a evitare le “pericolose” insidie del politicamente scorretto”.

Fukushame: il Giappone perduto è una pellicola diretta da Alessandro Tesei e interpretato da Luca Sandri e Antonio Paiola, nelle sale da mercoledì 23. Nel marzo 2011 il Giappone viene colpito da uno dei più violenti terremoti mai registrati, seguito da una tsunami che spazza e distrugge chilometri di costa e danneggia seriamente la centrale nucleare di Fukushima. Sette mesi dopo la sciagura Alessandro Tesei, videoreporter italiano, riesce ad entrare nell’area proibita portandosi fino ad a un solo km dalla centrale: dalle immagini rubate di questo viaggio, nasce questo docu-movie in bilico tra veridicità e narrazione. «Vengo da studi di documentaristica – dichiara il regista in occasione dell’anteprima stampa – avevo un amico a Tokyo che mi raccontava di questa situazione nelle zone evacuate,? ?ancora non chiara.? ?Allora mi sono detto? ci provo?: e ?sono partito per un mese e mezzo.? ?Sono riuscito a entrare lì con questi animalisti,? ?di fatto siamo entrati di nascosto perché il permesso che avevamo non ci permetteva di spingerci così addentro.? ?Il girato al mio ritorno era tantissimo,? ?circa? ?15? ?ore». Immancabili le risate surreali della pellicola Ghost movie, diretto da Michael Tidde. Quando Malcolm e Kisha si trasferiscono nella loro casa dei sogni, scoprono di non essere soli: la casa è infestata e Kisha viene posseduta da uno spirito. Malcom dovrà farsi aiutare da un prete e da alcuni acchiappafantasmi per sbarazzarsi del demone e salvare la sua vita matrimoniale e non solo.

 

Commenti